Poliziotto rifiuta chiamata d’emergenza per giocare a Pokemon Go: “Devo prendere Snorlax”

Una vicenda a metà tra il comico e il tragico: la passione per i Pokémon che ha fatto licenziare due poliziotti americani.

Era il 2016 quando il nostro mondo fu letteralmente invaso da strani mostriciattoli. Pokémon Go nella settimana di lancio fu l’App più scaricata del mondo e, secondo le stime degli esperti, riuscì ad attrarre un numero di utenti attivi che superava quello degli utenti di tutti i social network messi insieme.

Poliziotto rifiuta chiamata per videogiocare
Poliziotto ignora chiamata d’emergenza: era occupato su Pokemon Go – Games4All.it

L’app ebbe un forte impatto sulla vita quotidiana delle persone nei giorni in seguito al suo rilascio e diverse istituzioni si trovarono a dover fronteggiare un fenomeno inaspettato e, in molti casi, pericoloso. Nei giorni che seguirono il rilascio di Pokémon Go, infatti, si verificarono diversi disordini in giro per il mondo, soprattutto legati alla sicurezza stradale.

Persone che camminavano o guidavano con la testa china sul telefono alla ricerca del Pokémon più vicino, orde di cacciatori che assaltavano zone della città o negozi solo per catturare il Pokémon che si trovava lì.  E addirittura persone che trascuravano il proprio lavoro per giocare a Pokémon Go. Una situazione preoccupante, quindi, soprattutto se si considera che in quest’ultima categoria sono rientrati anche dei poliziotti.

La rapina può aspettare: c’è uno Snorlax da catturare

Nel 2022 i media americani hanno rilanciato una notizia che aveva davvero dell’assurdo. Nel 2017 due agenti del Los Angeles Police Department che guidavano avrebbero ignorato ordini diretti mentre giocavano proprio a Pokémon Go. I due uomini avrebbero trascurato il loro lavoro per catturare alcune creature rare e poi avrebbero mentito sulle loro azioni.

due poliziotti hanno trascurato le richieste per giocare a pokemon go
Pokémon Go aveva suscitato preoccupazioni per la sicurezza stradale, all’epoca del suo rilascio (Foto Instagram @pokemongoapp) – games4all.it

Il video mostra gli agenti mentre guidano la loro auto di pattuglia in maniera piuttosto rocambolesca. Seguono pericolosamente da vicino numerose auto, costringendo gli altri conducenti a spostarsi, corrono in un’area residenziale e non rispettano un segnale di stop.

I due agenti apparentemente guidavano così velocemente perché erano alla ricerca di uno Snorlax e temevano il Pokémon sarebbe scomparso di lì a poco. Effettivamente, il Pokémon fuggì, ma la ricerca degli agenti non poteva finire così. Così, dopo aver perso lo Snorlax, i due agenti individuano un Togetic e si preparano per catturarlo.

Nel frattempo, nel video si sentono le loro voci mentre parlano in generale dei Pokémon, di come Togetic sia l’evoluzione di Togepi e del fatto che la creatura conosca “Hidden Power“, una mossa molto rara nella serie. Insomma, una conversazione tra veri appassionati di Pokémon. Conversazione che però avviene proprio nel momento in cui queste stesse persone ricevono la comunicazione di una rapina in corso, e che i due decidono di ignorare.

Al rientro nella centrale, un ufficiale di grado superiore chiese ai due agenti il motivo per cui, pur essendo vicini all’area dove era avvenuta la rapina, non fossero intervenuti e non avessero fatto rapporto per 40 minuti. Nonostante le giustificazioni accampate dei due, il video smentiva in maniera abbastanza inequivocabile la loro versione. L’epilogo è quello che tutti si aspetterebbero da un vicenda simile: i due poliziotti furono licenziati.

Impostazioni privacy