Cani armati di lanciamissili sul campo di battaglia: il nuovo progetto dell’esercito

Sempre più spesso vediamo immagini che potrebbero essere uscite da un film di fantascienza, come quelle del cane robot da combattimento.

Negli ultimi anni arrivano continuamente notizie di nuove trovate tecnologiche che sembrano troppo assurde per essere vere. Tra le più suggestive ci sono sicuramente i robot, sempre più vicini a far parte della nostra quotidianità. Ultimamente hanno attirato una grande curiosità i robot magazzinieri, dei modelli dotati di braccia e gambe che tra poco cominceranno ad aggirarsi per gli stabilimenti esattamente come tanti colleghi umani.

è stato presentato un cane robot lanciamissili
Recentemente è stato presentato un cane robot da utilizzare nei conflitti armati (Foto Youtube Military Video) – games4all.it

Le potenzialità dei robot verranno applicate sempre in più settori con il passare degli anni. Un’applicazione già molto reale, purtroppo, è quella del settore bellico. Recentemente sono stati presentati dei robot che riprendono la forma e i movimenti di un cane, con un’unica differenza: sono dotati di missili e armi di vario tipo.

Un cane robot in grado di ribaltare le sorti di una guerra: il futuro è già qui

I Marines degli Stati Uniti hanno recentemente condiviso il video del test di un cane robot che trasportava dei lanciarazzi anti-carro per fanteria M72. Sono immagini che hanno destato grande stupore nell’opinione pubblica, perché sembrano davvero ispirate da un film di fantascienza. Anche se il cane robot dei Marines potrebbe essere solo un prototipo, il valore potenziale di un sistema armato come questo è evidente.

il cane robot può essere utilizzato per lanciare missili da remoto
Il prototipo mostra una stabilità impressionante, in grado di restare in piedi anche dopo potenti onde d’urto (Foto Youtube Military Video) – games4all.it

Invece di far maneggiare armi così pericolose a un Marine umano, potremmo implementarle su un dispositivo di questo tipo che consente di fare tutto in remoto”, ha detto il tenente Aaron Safadi dei Marines, responsabile della sezione di integrazione delle tecnologie emergenti all’interno del Tactical Training and Exercise Control Group, in una dichiarazione dopo il test di settembre.

Gli attacchi a veicoli corazzati a piedi possono essere molto rischiosi, specialmente in spazi ristretti come gli ambienti urbani. Avere la possibilità di avvicinarsi ai bersagli con un robot di questo tipo è sicuramente un’opzione che le forze armate potrebbero sfruttare a loro favore.

Questo è solo l’ultimo esempio dell’interesse crescente in tipo di strumenti bellici da parte delle forze militari statunitensi. E chiaramente, non sono solo gli americani ad aver messo gli occhi su questo tipo di tecnologie. Anzi, il design del cane robotico dei Marines sembra basarsi su un robot quadrupede cinese simile, se non identico, che è stato più volte utilizzato anche dalla Russia in passato.

È interessante notare che i Marines si riferiscono a questo prototipo di robot chiamandolo una “capra robotica” anziché usare la descrizione molto più comune di cane robot. Il motivo potrebbe essere dovuto al nome originale del robot, “Go1”, molto simile al termine inglese per “capra”, “goat”.

Impostazioni privacy