Adesso si usa l’IA anche per trovare l’amore: sensazionale scoperta

Attualmente, alcune persone stanno utilizzando l’intelligenza artificiale addirittura per trovare l’anima gemella. Ecco di cosa si tratta.

Oggi il cervello artificiale è una macchina capace di svolgere qualsiasi compito: dalla creazione di nuove forme di design alla stesura di una sceneggiatura. E non solo: la AI viene utilizzata anche per inventare ricette di una nuova bibita, oppure per comporre un brano musicale. Recentemente, molte aziende hanno cominciato a sostituire una parte del proprio organico proprio con l’intelligenza artificiale.

l'intelligenza artificiale trova l'amore
La AI trova l’amore – games4all.it

Inoltre, bisogna ricordare che la AI potrebbe accrescere la diffusione delle fake news, grazie alla sua capacità di generare immagini e video super realistici, che agli occhi dei comuni cittadini apparirebbero reali. Tuttavia, gli innumerevoli pregi della AI porteranno tantissimi benefici all’umanità: un esempio è la creazione di nuovi farmaci. Ad ogni modo, alcune persone la stanno utilizzando anche per scovare l’amore.

La AI scoverà le anime gemelle

Nell’attuale epoca molti ricercatori stanno cercando di capire come sfruttare le potenzialità dell’intelligenza artificiale e, al contempo, come metterle a disposizione della comunità. Chiaramente, tutte le invenzioni rivoluzionarie sono caratterizzate da aspetti positivi e negativi: internet, ad esempio, ha letteralmente cambiato il mondo, pur possedendo molti aspetti negativi come i virus o gli hacker.

l'intelligenza artificiale trova l'amore L’incontro digitale – games4all.it

L’applicazione che sfrutta il cervello artificiale per cercare il proprio partner ideale si chiama Superfy. Quest’ultima è paragonabile alla famosa ChatGPT, poiché la sua caratteristica principale è rispondere a delle domande precise. Tuttavia, possiede delle notevoli differenze rispetto a ChatGPT, una delle quali è proprio la risposta.

Infatti, dietro ogni risultato ci sono delle persone in carne ed ossa, anziché una macchina. In altre parole, quando un utente pone una domanda all’app Superfy, un’intelligenza artificiale cerca di captare le caratteristiche della domanda stessa, gli orari in cui viene posta e gli argomenti interessati.

Dopodiché, la AI confronta i risultati ottenuti con i risultati di altri utenti, con l’obiettivo di individuare la persona che pone le medesime domande e che ama gli stessi argomenti. Naturalmente, bisogna augurarsi che gli altri utenti siano sinceri nelle domande.

Tuttavia, gli esperti hanno affermato che mediamente occorrono circa 20 secondi per avere una risposta da una persona in carne ed ossa. Infatti, uno dei pregi di questa innovativa applicazione è quello di creare un collegamento tra utenti simili: dopo aver individuato l’utente che pone le medesime domande, la AI mette in comunicazione le due anime gemelle, le quali chattando risponderanno alle proprie domande.

Impostazioni privacy