App Store: i problemi sono stati causati dal phishing

App Store: i problemi sono stati causati dal phishing

app store account

Vi ricordate del problema che era stato segnalato ad Apple qualche giorno fa in riferimento agli account violati sull’App Store e su iTunes Store? L’azienda di Cupertino in questi giorni ha lavorato per tentare di capire cosa sia successo realmente e le informazioni che finalmente sono arrivate in effetti sono molto positive per coloro che possiedono un account per il download di applicazioni su iPhone, iPod Touch e iPad e che hanno sempre effettuato un comportamento di piena sicurezza per proteggere i propri dati personali da truffe e raggiri online. Lo stesso non si può dire degli altri, che corrono sempre qualche rischio.

E il problema in questo caso riguarda proprio coloro che hanno risposto a email di phishing o che hanno permesso a qualche malintenzionato di ottenere la password personale. Semplicemente nello scorso fine settimana si sono concentrare le pratiche illecite di questi truffatori che hanno effettuato acquisti e download all’insaputa degli utenti.

Quindi il problema non è stato causato da violazione di server o da furto di dati che possano essere ricondotti direttamente ad una noncuranza da parte di Apple. I furti di dati personali degli account dell’App Store comunque non hanno riguardato un grandissimo numero di utenti in tutto il mondo.

Si parla infatti solamente di 400 account tra tutti gli utenti registrati che hanno avuto questo problema, un numero davvero esiguo se si considera che rappresenta una percentuale pari all’ 0,0003% di tutti gli utenti che possiedono un account di questo tipo su App Store. I consigli sono ovviamente sempre gli stessi: fare molta attenzione e non fornire mai a nessuno i propri dati personali.

341

Segui Games4all

Ven 09/07/2010 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici